Chi siamo?

La mia foto
Una domenica pomeriggio, tornando verso Bologna per gli stradelli guelfi, godendo del paesaggio, pensammo: “come sarebbe bello fare queste strade con le nostre bici”. Ci siamo guardate negli occhi: in quell'istante è nata l’idea del bigatour. Siamo 6 donne del 2012: precarie, flessibili, senza soldi, artiste, ciapinare, più vicine ai 30 che ai 20, abitiamo a Bologna, ma non siamo tutte bolognesi, e ci siamo trovate un po’ per fortuna, un po’ per caso, un po’ in un b.u.c.o. Usiamo la bici quotidianamente come mezzo di spostamento, crediamo in una vita con spirito sostenibile, non abbiamo soldi per fare grandi viaggi, per comprarci le bici da corsa e per pagarci l’acquagym e la palestra che ti fanno il culetto sodo ogni mese. Così partiamo con grazielle e bici da città, con poche cose ma molto entusiasmo, nel mese più caldo sì, andando a trovare genitori e amici, all’avventura, cantando, per strade ciclabili e sostando in campi di contadini con frutta. 6 donne, 6 bici, 11 ruote (la ruota di Blatta-la graziella ci ha abbandonato a 2 km dalla fine..) 2 tende, 1 mappa rispettata, 1 carrellino miranda, 1rapporto amoreodio con i pantaloncini imbottiti = 28. La luna ci ha portato fortuna

domenica 5 agosto 2012

Gabicce monte

Aggiornamento montuoso: siamo a  gabicce monte, salita  di 2,5 kilometri superata con successo!!' e abbiamo anche recuperato per strada Claudio di pedalitalia!

5 commenti:

  1. il 5 agosto siete passate al porto di Riccione!
    neanche a farlo apposta avevo letto del vostro viaggio 2 giorni prima, peccato che non ho collegato subito sennò vi fermavo :) buon viaggio ragazze!
    ps: che bici originali!!!

    RispondiElimina
  2. le bimbe sono Grandi!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Ottimo ragazze, ben fatto…. È stato sicuramente l’ipnotico canto sciamanico del PULCINO PIO… ripetetelo ogni mattina dopo lo Yoga… via abbraccio. P.S. Vi raccomando tutte voi alle cure del vostro fedele servitore Cristiano Sancio Panza.
    Antonio
    «Oh età fortunata, o secolo venturoso in cui vedranno la luce le famose mie imprese, degne di essere incise in bronzi, scolpite in marmi, e dipinte in tele per eterna memoria alla posterità! …“

    RispondiElimina
  4. Grazie Antonio della stupenda ospitalità, delle chiacchiere, delle piade e di aver sopportato pulcini pio e un gruppo di donne su ruote con il loro direttore artistico!!! Un bacio grande

    RispondiElimina